05 apr 2011

La notte scende nel suo silenzio di sogno.
sento le tue mani calde sul mio corpo fremente:
una carezza che graffia l'anima e divampa
nel piacere di questa sorte così oscura.
un gemito arde nel convulso ansimare di un libero darsi.
e ti sento,dentro, come carne e desiderio
che ci fondono in un solo sangue.

Nessun commento: